Stan, il robot che parcheggia le auto in aeroporto

0

Alzi la mano chi non si è fatto prendere dal panico, almeno una volta nella sua vita,  per parcheggiare l’auto in aeroporto, soprattutto quando magari un incidente per strada ci ha fatto perdere minuti preziosi, ed ora siamo con l’acqua alla gola, il check-in è già iniziato, ed anche una manovra a prima vista banale può diventare l’operazione più complicata di sempre.

E’ proprio per risolvere questo gap, e cercare di preservare la tranquillità – e la salute – dei viaggiatori, che è nato Stan, un parcheggiatore robotico che è stato già sperimentato con successo in alcuni aeroporti francesi, come quello di Lione o il principale scalo parigino di Charles de Gaulle.

Stan è completamente elettrico ed autonomo, funziona come un carrello elevatore su due ruote, che riesce a prelevare un’automobile e a parcheggiarla in totale autonomia all’interno di un posteggio predisposto.  Il software con cui è stato programmato, permette di recuperare anche la metà dello spazio inutilizzato in un parcheggio, e questo darà la possibilità di parcheggiare molte più auto nella stessa area.

I viaggiatori non dovranno più affannarsi a posteggiare la propria vettura in modo corretto: una volta giunti in aeroporto, basterà lasciare la propria auto in una delle otto cabine predisposte per il servizio, dando l’okay alla prenotazione attraverso uno schermo touch. Chiuderanno l’auto, tenendo con sé le chiavi. Una volta azionata la chiusura, Stan può entrare in azione: si dirigerà verso l’auto sollevandola grazie a una pedala e la porterà nel posto assegnatole. Il software inoltre ha accesso anche ai dettagli di volo del passeggero, così, una volta atterrato e recuperato il bagaglio, non dovrà far altro che recarsi nella cabina, dove troverà la sua macchina, pronta all’uso.

Realizzato da una start up francese, dopo il successo in patria ora Stan è pronto ad attraversare il canale della Manica: quest’estate, infatti,  inizierà la sperimentazione al terminal londinese di Gatwick.

di Romina Vinci

No comments

Un welfare aziendale per le donne

Le donne costrette a rinunciare al lavoro a causa degli impegni familiari sono quantificabili, secondo l’Istat, in circa 10 milioni in un arco temporale di ...