Rinnovabili, in Italia costano troppo

0

Sempre più spesso i grandi consumatori, ossia le imprese, dai settori alimentari a quelli tecnologici, scommettono sulle energie rinnovabili e su politiche di sviluppo sostenibile. A dirlo è il rapporto annuale “Il sistema elettrico italiano e le rinnovabili”, realizzato da Irex, Italian renewable index, e Althesys, una società specializzata nella consulenza strategica. L’analisi delle prime 100 aziende italiane per fatturato, mostra che il 23% usa solo energia rinnovabile, mentre il 35% copre con questa più della metà dei suoi consumi.
«Sta nascendo una nuova visione delle rinnovabili – ha spiegato Alessandro Marangoni, che ha guidato la ricerca – che passa da una logica fatta di incentivi, ad una dove è la domanda dei consumatori a trainare il mercato.»
Nel 2018 gli investimenti in Italia sono stati di 11,3 miliardi di euro per 10,8 GW di potenza, il 16% in meno del 2017. L’eolico è cresciuto arrivando al 62% della potenza totale, il fotovoltaico al 31%, le biomasse al 7%, mentre l’idroelettrico è sceso al 5%.
Intanto i costi si abbassano, in tutta l’Europa: il costo di generazione dell’energia eolica è sceso del 2% rispetto a due anni fa, e si attesta a 43,3 €/MWh. L’Italia resta il paese dove costa di più: sfiora i 61,5€/MWh, contro il minimo di 35 € dei Paesi Bassi.
I costi medi europei del fotovoltaico invece sono stimati in 68,5€/MWh per gli impianti commerciali, e 58,8€ per quelli domestici. E anche in questo caso, l’Italia risente dei maggiori costi del sistema economico e normativo. Perché? Siamo i primi fra i paesi europei per incidenza degli incentivi erogati alle rinnovabili in rapporto alla produzione totale di energia. A dirlo è un altro rapporto, quello del Ceer, il Consiglio dei regolatori europei dell’energia, che ha messo in evidenza come i costi dipendano dal fatto che il 25% della produzione totale di energia rinnovabile è sostenuta da sussidi. E questa “quota sussidiata” in Italia, 44 €/MWh, non solo è superiore alla media, ma ha di fatto contribuito al raddoppio del costo medio dell’energia elettrica prodotta nel nostro paese.
I cosiddetti sussidi rientrano nelle nostre bollette nella voce “oneri di sistema”, e vengono pagati sia dai consumatori che dalle imprese.

di Ilaria Romano

No comments

Giordania, meraviglia dell’uomo

Petra, con le sue spettacolari costruzioni scolpite nella roccia, il Wadi Rum, suggestivo deserto rosso modellato dal vento, Gerasa, città dominata e resa splendente dai ...