Pronti a ripartire, pronti a rinascere

0

Superare la soglia dei 50 anni non significa essere “arrivati a destinazione”. Al contrario, deve essere un’occasione per ripartire, rivalutando se stessi e progettando il futuro

In America hanno coniato il termine “Young Old” per definire coloro che – superata la soglia dei 50 anni – ripensano alla propria vita in un’ottica di rinnovamento e di nuove opportunità. Facendo tesoro dell’apprendimento e dell’esperienza acquisita e contando su una più matura consapevolezza delle proprie doti e qualità, queste persone riescono più facilmente a rilanciarsi nel futuro e colgono l’opportunità per fare delle cose per sé, rispolverare vecchie passioni o trovarne di nuove, con più libertà e meno condizionamenti.

Ma in questa età di mezzo – dopo una vita passata a fare, costruire, crescere, correre, lavorare – ritrovarsi improvvisamente fermi o sospesi può rappresentare anche un momento di grande crisi in cui si fa un bilancio della propria vita e si guarda con preoccupazione alla vita che sarà. «Uscire dalla dimensione del fare che ci caratterizza fino ai 50 e 60 anni per entrare in quella dell’essere è davvero molto importante – spiega la counselor Virginia Vandini -. Se si rimane legati al concetto che si è ciò che si fa o si sa fare, il rischio è quello di entrare nel tunnel del sentirsi inutili perché ci si continua a identificare in termini di status e di impegno in attività socialmente riconosciute e condivise. Il nostro percorso di vita rappresenta un tesoro a cui attingere sempre. Diventa una testimonianza importante e una chiave indispensabile per capire il nostro valore nel momento presente e nel futuro. La vita ci mette sempre in una condizione di ascolto, di cambiamento, di evoluzione e quindi anche di trasformazione. Rimanere attaccati alla propria convinzione iniziale ci può portare solo a uno stato di sofferenza perché non corrisponde a quello che la vita in realtà ci sta presentando. Tutto ciò diventa causa di malessere, dolore. Il viaggio della vita non può essere e non è mai come ce lo si è prefigurati. Che senso avrebbe la vita altrimenti? Noi siamo qui anche per imparare.

Nel cambiamento c’è anche il gusto dell’esistenza, il senso stesso della vita, della scoperta. Noi cresciamo e diventiamo persone adulte, più mature. Viviamo avendo, spesso inconsapevolmente, un sacco di pre-strutture che ci guidano e ci dicono che le cose devono essere in un certo modo. Poi, però, ci accorgiamo che la vita non è così, che è un continuo cambiamento e che possiamo decidere se resistere a questa trasformazione oppure accompagnare gli eventi, fluire insieme a loro. Questo non significa lasciarsi trasportare ma adattarsi, cercando di trarre un insegnamento profondo».

di Barbara Di Sarno

(L’articolo completo è pubblicato su 50&Più del mese di Febbraio  2019)

 

 

Young old

No comments

Un caffè contro gli stereotipi

…piccoli nuclei armati di parole contro la violenza di chi ci vorrebbe silenti Si chiama “Senior cafe” ed è, innanzitutto, un caffè, cioè un luogo ...