Il Tai Chi Chuan: come “combattere” per la nostra salute

0

È una disciplina completa che unisce alla ricerca dell’armonia e della libertà del movimento il raggiungimento di un ottimale equilibrio psicofisico

Lombosciatalgie, fratture, protesi all’anca o al ginocchio, intervento per alluce valgo, artrosi, riduzione del tono e della forza muscolare: sono soltanto alcune delle molteplici affezioni del sistema muscolo-scheletrico che possono condurre ad una diminuzione della coordinazione motoria, del controllo dell’equilibrio, della libertà articolare. Una delle conseguenze più immediate è la perdita dell’autonomia nelle attività di vita quotidiana, dalle più semplici in casa fino alla difficoltà o impossibilità di muoversi al di fuori delle mura domestiche.

Il recupero dell’autonomia rappresenta l’obiettivo più importante anche per i disturbi del sistema nervoso centrale e periferico (ictus, emiplegie, emiparesi, Parkinson, fasi iniziali della malattia di Alzheimer).

di Alessandro Mascia

(L’articolo completo è pubblicato su 50&Più del mese di luglio/agosto 2019)

No comments