Capelli per donne over 50: darci un taglio non basta più!

0

Superata una certa età, è molto importante la scelta del giusto taglio di capelli che, con un colpo di forbice, può aiutare a dare al nostro viso e alla nostra immagine quel tocco di freschezza e di glamour in più. Il classico dilemma “corto o lungo” non basta a darci tutte le risposte in fatto di hairstyle. La regola numero uno per scegliere un buon taglio di capelli è, a qualsiasi età, rispettare la forma del viso e le sue proporzioni.
È bene quindi porre una distinzione tra le varie forme del viso per capire qual è il taglio che più vi si addice: ovale, è più ampio all’altezza degli zigomi e stretto delicatamente verso il mento; quadrato, è composto da una linea mascellare larga e pronunciata; triangolare rovesciato, è caratterizzato da linee più larghe sopra e più strette scendendo verso il mento; rotondo è senza angoli pronunciati e tende ad allargarsi alle guance con curvature delicate verso la linea mandibolare.

Il primo tipo di lineamento è considerato il viso ideale e qualsiasi acconciatura può essere adatta ad esaltarne la qualità. Per il secondo, invece, il taglio migliore è quello molto scalato e spettinato per ammorbidirne i tratti. In questo caso sono quindi da evitare carrè o tagli geometrici che andrebbero a esaltare ancor più le angolature. Per un viso triangolare rovesciato,  una frangia vaporosa o un ciuffo morbido minimizzano la larghezza della fronte. Un taglio pari all’altezza del mento o, appena sotto, ne ampliano il volume. Infine per chi ha il viso rotondo, l’obiettivo sarà quello di aggiungere altezza per far sembrare il viso più lungo. Di solito è ottimo fare un taglio scalato che porti il volume in alto e lo diminuisca sui lati ed è da evitare la frangia.
Bando quindi ai tagli netti tipici dell’età che avanza e via libera a uno styling in grado di armonizzare le proporzioni, valorizzare i pregi… e anche camuffare qualche difetto!

di Barbara Chakra

No comments