A Bolzano i “paratesta” per proteggere chi è distratto dal cellulare

0

Sono comparsi in una mattina di Febbraio, nelle principali piazze di Bolzano, ed hanno lasciato tutti sgomenti: sono dei cuscini di gommapiuma fucsia posti attorno ai pali della luce e ai segnali stradali per evitare che qualcuno vada a sbatterci e si faccia male.
Un’idea tanto curiosa quanto innovativa che non poteva passare inosservata. Subito è nato il totoscommesse per capire chi fosse a capo di un’iniziativa così insolita, e la risposta non ha tardato ad arrivare.
Sui paracolpi infatti, oltre all’immagine stilizzata di un omino in movimento, intento a guardare il cellulare, era riportata anche la scritta staysmart.it , un invito ad usare l’intelligenza, ma anche il link ad un sito web su cui sono indicati 5 consigli per migliorare il proprio rapporto con i dispositivi elettronici.
Si tratta di una campagna virale messa in modo dalla provincia altoatesina per sensibilizzare all’uso consapevole dei telefonini. E, a giudicare dalla curiosità e dal boom di visite al sito web, possiamo affermare che l’obiettivo di partenza sia stato senza ombra di dubbio raggiunto.
Il sito staysmart.it invita a navigare in wi-fi, per attenuare la portata delle onde elettromagnetiche emesse dal cellulare, di spegnerlo durante le ore notturne e a tavola, per evitare un’eccessiva dipendenza e, soprattutto, di non utilizzarlo mentre si guida: secondo l’Aci in Italia infatti tre incidenti su 4 sono dovuti alla distrazione che, ogni anno, miete migliaia di vite. Esorta inoltre a prendere le distanze dai Social Zombies, quelli che fanno un uso continuativo del cellulare, e ciò li porta a chiudersi e a isolarsi. E’ necessario quindi privilegiare i contatti diretti, tornando a socializzare nel mondo reale.
Infine, il quinto consiglio, mira ad evidenziare l’importanza di tenere il telefonino sempre con sé: in situazioni di pericolo o emergenze in montagna, lo smartphone consente di chiedere aiuto attivando i soccorsi. Mai dimenticare il telefonino a casa dunque, attivare sempre la geolocalizzazione e scaricare la App del 112 “Where ARE U”. Quest’ultima, infatti, consente di effettuare la chiamata di emergenza con un tocco e rilevare la propria posizione.

Di Romina Vinci

No comments

Alzheimer, alleato è lo smartphone

Una “memoria” di riserva a portata di smartphone che, all’occorrenza, aiuta a ricordare i nomi, volti, scadenze. Per i malati di Alzheimer allo stato iniziale ...